Il nobile soldato giudice Guerrisius-Guerrisi viene menzionato per la prima volta in un documento del 1186 del ”Codice diplomatico del Regno di Carlo I e II d’Angio”, ossia la collezione di leggi, statuti e privilegi, concernenti la storia ed il diritto politico, civile, finanziere, giudiziario, militare, ed ecclesiastico delle provincie meridionali d’Italia.  Il giudice Guerrisius-Guerrisi di Dragonara documenti dal 1196 al 1213 (Il giudice Guerrisius-Guerrisi di Dragonara documenti dal 1196 al 1213 – TUTTO STORIA ,  Dalla Chroniques des comtes d’Anjou ai Guerrisius-Guerrisi – Arte e Storia VG).

Regno dei Normanni dal 1030 (1)

Documento: Donazione di Riccardo d’Aquila Conte di Fondi a favore del Monaste ro di San Michele Arcangelo di Gaeta – Agosto 1186 – firma ”Ego Guerrasius Miles rogatus testis” Io Guerrasius soldato testimone richiesto. Guerrasius discendente dei conti Warinius-Guarrasius di Provenza. Polistena (RC) fu ingrandita dall’Imperatore Federico II (1194-1250), e fin dal regno di Re Carlo I d’Angio (nato a Parigi il 21 marzo 1226, deceduto nel 1285 succede al regno il figlio Carlo II), nell’ anno 1266 era una terra ricca di abitazioni e di popolo. Re Carlo I d’Angio sposa Beatrice di Provenza (1234-1267), nel ”Codice diplomatico” anno 1186, troviamo il primo documento: Monastero di San Michele Arcangelo di Gaeta – Agosto 1186 – firma ”Ego Guerrasius Miles rogatus testis” Io Guerrasius soldato testimone richiesto.

Il secondo documento del settembre 1187, il conte di Tricarico Ruggiero del castello di Montoro, e il fratello Guglielmo di Caserta- firma ”Ego qui supra Guerrasius iudex” ” Io qui sopra Guerrasius giudice.

Il terzo documento del mese di marzo dell’anno 1194, i fratelli Montorio e Martino, figli di Montorio, vendono ad Alessandro de Alife quattro fondi nelle pertinenze di Montoro – firma ”Ego qui supra Guerrasius iudex” ” Io qui sopra Guerrasius giudice. (ABC, Arm. L. 37 in Ibidem, pp. 125-126).

Il quarto documento del mese di ottobre 1194, Il conte di Caserta Guglielmo e il nipote Giacomo di Tricarico, ciascuno per la sua parte, donano ad Alessandro di Alife sette fondi nel territorio di Montoro – firma ”Ego qui supra Guerrasius iudex” Io qui sopra Guerrasius giudice, ABC, Arm.** L. 37 in **Ibidem, **pp. 126-127. 

Carlo I e II D'Angiò, documenti sul nobile giudice Guerrisi.
Carlo I e II D’Angiò, documenti sul nobile giudice Guerrisi. Monastero di San Michele Arcangelo di Gaeta – Agosto 1186 – firma ”Ego Guerrasius Miles rogatus testis” Io Guerrasius soldato testimone richiesto.
Carlo I e II D'Angiò, documenti sul nobile giudice Guerrisi, firma del 1186.
Carlo I e II D’Angiò, documenti sul nobile giudice Guerrisi, firma del 1186.
Carlo I e II D'Angiò, documenti sul nobile giudice Guerrisi, firma del 1186, foglio 2.
Carlo I e II D’Angiò, documenti sul nobile giudice Guerrisi, firma del 1186, foglio 2.

1187, settembre.

Il conte di Tricarico Ruggiero stando nel castello di Montoro, sia per parte sua che del fratello Guglielmo di Caserta, presente all’atto, insieme al fratello Roberto di Lauria, concede all’abate di Cava Benincasa, che per i bisogni che riguardano gli uomini di Solofra e di Montoro delle terre del monastero si faccia riferimento alla Curia del monastero a Montoro dove costoro potranno convenire e dove ci saranno uomini mandati dall’Abate che rappresenteranno anche il Tricarico; per i bisogni degli uomini che con altri contratti tengono le terre del monastero si faccia riferimento a Montoro se le terre sono di Montoro e nella curia di Solofra, ma davanti a giudici di Serino, se le terre sono di Solofra. Se c’è un delitto grave tanto da richiedere la sua presenza egli pone come rappresentante il procuratore Alessandro. Scrive il notaio Falcone davanti ai giudici Gervasio, Guerrasi e Guglielmo di Montoro.

X (…) Dum Nos, Dei gratia Roggerius Tricarici Comes intus Castrum nostrum Montorii adessemus, Domnus Benencasa Religiosus Abbas Coenobii Sanctae Trinitatis Cavae ad nos sicut ei placuit, tamquam ad suum dilectum in Christo filium veniens, a nobis dilingenter ac benigniter postulavit pro parte nostra scilicet, et Domini Guilielmi egregii Casertae comitis charissimi fratris nostri, ut si partes praedicti Monasterii hominis nostros Montorii et Solofris, qui de terris ejusdem Monasterii ad laborandum tenent de forisfacto, quod in ipsis terris praefati Coenobij commiserint, vel de fructibus et frugibus earum convenire voluerint, in Curia ejusdem Monasterii, scilicet apud Montorium ipsos nostros homines cum nostra licentia convenire posint: Cuius tam religiosissimi viri ipsius Domni Abbati petitioni benigniter attendentes pro parte nostra et ipsius Domini Comitis Guilielmi dilectissimi fratris nostri cuius ad hoc bonam praesensimus voluntatem, quia praephatam Ecclesiam, quae nostrorum animarum mater est, et corporum praedecessorum nostrorum tutum et receptaculum debemus debito relevare et in melius quidem accrescere. Ideoque sicut nobis complacuit, pro salute animarum nostrorum defuntorum et pro nostrorum criminum relaxatione, concessimus eidem Domino Abbati, ut semper liceat partibus praedicti Monasterii homines nostros Montorii et Solofris, qui de terris ejusdem Ecclesiae ad laborandum tenent, vel alio modo ad laborandum tenuerint, in Curia praedicti Monasterii, scilicet apud Montorium, si ipsae terrae de tenimento Montorii fuerint, et si de tenimento Solofris ant Solofrae in curia etiam, ut dictum est praephatae Ecclesiae convenire, si aliquod forisfactum in ipsis terris Ecclesiae commiserint, vel de fructibus et frugibus suprascriptarum terrarum, et eas constringere ad faciendam exinde in iustitiam eidem Monasterio coram tamen Iudicibus Montorii. Si de tenimento Montorii suprascriptae terrae fuerint, sicut suprascriptum est. Et si de tenimento Solofre coram iudicibus nostris Serini secundum quod ipsi nostri Iudices indicaverint. Sed si aliquis de ipsis nostri hominibus ab ipsis partibus praedicti Monasterii, et senserit se esse gravatum, et ad nostram praesentiam venerit reclamandum, nos debemus causam ipsam, de qua inter eos agitur, seriatim audire, et si viderimus aliquem de ipsis nostris hominibus de jure suo fore in aliquo laesum, nobis liceat iuste et integre emendare. Ex quoniam ob facta plurima saepissime quod geritur ab humana memoria labitur, precibus igitur Alexandri Procuratoris rerum ejusdem Monasterii, quas ex parte ipsius Domni Abbatis studiose nobis porrexit, ut hoc perpetuo legentibus pateat, et in futuro memoriae commendetur, hanc nostram concessionem perpetuo valituram et a nostris haeredibus et successoribus summa authoritate tenendam, taliter tibi Falconi Notario in scriptis redigere iussimus. Inter virgulos legitur, petitioni, et ad majorem huius cartulae firmitatem NOBIS GERVASIO ET GUERRASIO ET GUILIELMO IUDICIBUS NOSTRIS MONTORII eam corroborare praecepimus. X Rogeriuis comes Tricarici. X Guilielmus comes Casertae. X Robbertus de Lauro. X Ego Gervasius iudex qui supra. X Ego qui supra GUERRASIUS IUDEX.  XEgo qui supra Guilielmus iudex. In pergamena, in Arm. II, O, N, 9. (Ibidem, pp.20-22).

conti di Mantova

 

    

Avellino_map[1]

Il terzo documento del mese di marzo dell’anno 1194, i fratelli Montorio e Martino, figli di Montorio, vendono ad Alessandro de Alife quattro fondi nelle pertinenze di Montoro – firma ”Ego qui supra Guerrasius iudex” ” Io qui sopra Guerrasius giudice. (ABC, Arm. L. 37 in Ibidem, pp. 125-126).

1194, marzo.

I fratelli Montorio e Martino, figli di Montorio qui fuit calcularius, vendono ad Alessandro de Alife quattro fondi nelle pertinenze di Montoro che erano state loro donate da Guglielmo, conte di Caserta, e dal nipote Giacomo di Tricarico. Alcune di esse confinano col rivus siccus.

X (…) Coram me Guerrasio iudice Montorius et Martinus germani et filii quondam Montorii qui dictus fuit calcularus coniuncti sunt cum Alexandro qui dicitur de Alife filio quondam Iohannis et ipsi fratres dixerunt sibi pertinere per donationem et traditionem egregii domini nostri Gulielmi Caserte comitis quam ipsis fratribus fecerat pro quadam terra eorum quam quondam Robbertus bone memorie casertanus comes pater eorum in ecclesia sancti Thome martiris obtulerat cum molino in qua illud fieri fecerat et ipsam donationem facerat tam pro parte sua quam pro parte illustris domini nostri Jacobi Tricarici comitis quattuor pecias terrarum in pertinenciis huius terre Montorii in loco ubi truclati dicitur. Una cum avellaneto. A parte meridiei finis vie. A parte orientis finis terre ecclesie sancte Marie de labucca. A parte septentrionis et a parte occidentis est finis rivi qui dicitur siccus. Alia pecia cum avellaneto. A parte septentrionis finis rivi qui dicitur siccus. A parte orientis finis Iohanni et Riccardi fratrum; et filiorum quondam Robberti PizzariA parte meridiei finis ipsorum fratrum et finis heredum quondam Mansonis Malabranca. A parte occidentis finis ipsorum heredum. Alia pecia cum arboribus vitatis. A parte orientis finis terre quam tenet Petrus de Sirino. A parte meridiei finis suprascriptorum fratrum Iohannis et Riccardi . A parte occidentis fine vie. A parte septentrionis finis Nicolaj de amato usque priorem finem. Quarta pecia cum avellaneto. A parte orientis terre ecclesie sancti Salvatoris. A parte meridiei finis terre ecclesie sancte Marie de bucca. A parte occidentis finis terre cavensis monasterii. A parte septentrionis finis ipsarum rerum cavensis monasterii et revolvit aliquantulum per iamdictam partem orientis, finis ipsarum rerum eiusdem ecclesie sancte Marie (…) cum omnibus que intra eas sunt cunctis suis pertinenciis et cum vice viarum. (…) Et taliter ego Vincencius notarius iussu suprascripti iudicis scripsi. X Ego qui supra Guerrasi iudex. (ABCArca nova XLIII,110 in G. Tescione, Caserta medievale e i suoi conti e signori, Caserta1956, pp.125-126).

Il quarto documento del mese di ottobre 1194, Il conte di Caserta Guglielmo e il nipote Giacomo di Tricarico, ciascuno per la sua parte, donano ad Alessandro di Alife sette fondi nel territorio di Montoro – firma ”Ego qui supra Guerrasius iudex” ” Io qui sopra Guerrasius giudice. (ABC, Arm. L. 37 in Ibidem, pp. 126-127). ·       

·         1194, ottobre.

Il conte di Caserta Guglielmo e il nipote Giacomo di Tricarico, ciascuno per la sua parte, donano ad Alessandro di Alife sette fondi nel territorio di Montoro ubi Aterrana dicitur. Nel ottobre 1194, furono assegnate altre terre dal nobile giudice Guerrisi 

X (…) Nos Guilielmus Dei et imperiali gracia Caserte comes pro parte nostra et pro parte egregii Iacobi Tricarici comitis carissimi nepotis nostri in cambium donavimus et tradidimus Alexandro filio quondam Iohanni de Alife aministrationem regere cavensis monasterii quas in nostra terra Montorii habet septem pecias de terris nobis pertinentes in pertinentiis ipsius terre Montorii videlicet pro terra que fuit Bartholomei Dei domno dilecto quam terram ipsi Alexandro donaveramus secundum quam ipsa terra Gualterio Gaudenardo qui filiam suprascripti Bartholomei Dei domino dilecto in uxorem habebat reddidimus. Ideo ipsas terras in commutationem eidem Alexandro tradidimus quas terras caro stratigoto nostro Montorii coram Guerrasi iudice fecimus assignari. (...) Prima pecia cum avellaneto ubi Aterranu dicitur. (…) A parte occidentis fines Iohannis qui dicitur de Sirio.(…) A parte septentrionis fine Ursi de Anserada et Dactili fratris eius. Secunda pecia cum avellaneto et vitibus in eodem loco Aterranu. A parte occidentis fines Ursi de Lando (…). Tercia pecia cum aliquantis arboribus vitatis (…). A parte occidentis fines Nicolay Guerra et fratris eius (…). Quarta pecia (…). A parte orientis fines Petri qui dicitur de Manaredo. A parte meridiei fines Petri filii quondam Drogonis (…). Quinta pecia (…). A parte septentrionis fines heredum quondam Mosonis de Aterrano(...) Sexta pecia cum castanieto. A parte orientis fines terre ecclesie sancti Martini. A parte meridiei fines Parisii (…). Septima pecia cum aliquantis arboribus ubi Subia vocatur (…). X Ego qui supra Guerrasius iudex. X Ego qui supra Ricchardus iudex. (ABC, Arm. L. 37 in Ibidem, pp. 126-127). BLASONARIO DELLA CALABRIA

Documento sul nobile giudice Guerrisi risalente al settembre 1187,
Documento sul nobile giudice Guerrisi risalente al settembre 1187.

Sud_Italia_nel_1112

La nobile famiglia Guerrisi (https://blasonariodellacalabria.wordpress.com/2018/10/08/la-nobile-famiglia-guerrisi/?fbclid=IwAR17Gen6WpmTyZvNP_IJljSlnMvYrrghHgc_1aMyv7DnEMmsGovAt5lrdxw).

PROMPTV AIRE ARMORIAL I generosi guerrieri che preferiscono morire piuttosto che cadere nelle mani dei nemici (les genereux Guerriers quiaiment mieux mourir que de tomber ès mains des ennemis ).
”PROMPTV AIRE ARMORIAL” I generosi guerrieri che preferiscono morire piuttosto che cadere nelle mani dei nemici (les genereux Guerriers quiaiment mieux mourir que de tomber ès mains des ennemis ).
Stemma dei conti d'Angio e conti Warinius di Provenza.
Stemma dei conti d’Angio e conti Warinius-Guerrasius di Provenza.
Stemma di Warinius o Guerinius e Adelinde fondatori del monastero di Buchau 770.
Stemma di Warinius o Guerinius e Adelinde fondatori del monastero di Buchau 770.
A destra lo stemma di Warinius o Guerinius e Adelinde fondatori del monastero di Buchau 770.
A sinistra lo stemma di Warinius o Guerinius e Adelinde fondatori del monastero di Buchau 770. Governanti della Provenza dopo che fu conquistata dai Franchi, la Provenza fu governata da un duca, a volte indipendente, a volte alle dipendenze del regno burgundo. Dopo che il potere effettivo fu nelle mani dei Carolingi la Provenza fu governata direttamente dai re dei Franchi. Col declino del potere centrale, fu creato un regno, che in un secondo tempo fu unito al regno di Borgogna. La Provenza fu però governata da un conte, che godeva di una certa indipendenza.Conti carolingi Guerino ( Guerin, Warin in francese, Guerí in catalano e Werinus in latino), definito duca (secondo il Chronicon S. Maxentii, nell’841, Warin al comando dei provenzali, si schierò con Carlo II il Calvo contro l’imperatore Lotario I) secondo lo storico Paul-Albert Février, succedette a Leibulfo in Provenza; fu anche conte d’Alvernia. Werinus in latino (?777– 853), definito duca secondo il Chronicon S. Maxentii nell’841, fu conte d’Alvernia dall’819 all’839, conte di Provenza dall’830 circa all’845 conte di Autun dall’832 alla 853 e di Arles, Chalon, Borgogna e Tolosa.
Prima dinastia d’Angiò Carlo I d’Angiò 1246-1285 marito di Beatrice, conte d’Angiò e Maine, re di Napoli, Sicilia (1266) e Gerusalemme (1277).
Carlo II d’Angiò, lo Zoppo 1285-1309 figlio del predecessore, re di Napoli e (nominale) di Gerusalemme e Sicilia.
Stemma n. 1

 

Stemma n. 2
Stemma n. 2

.

.IMG_20211128_165406

IMG_20211128_165540.Screenshot_2021-11-30-18-26-54-846_com.facebook.katana

.Screenshot_2021-11-28-16-36-55-792_com.facebook.katana

GARINISUS

.Screenshot_2021-11-30-17-38-04-426_com.facebook.katana

.IMG_20211128_171043.IMG_20211130_155118

.IMG_20211130_162241Guerrisi nobili

126447242_3542005039271709_2165006127135784860_n
Numero 3.
Chroniques des comtes d'Anjou
Chroniques des comtes d’Anjou pag. 125-126.
il nobile soldato e giudice GUERRASIUS citato nel ”CODICE DIPLOMATICO DEL REGNO DI CARLO I E II D’ANGIO” 1186 ecc., era imparentato con il Conte o Duca Guerinus (Guerin, Warin in francese, Guerí in catalano e Werinus in latino) di Provenza, definito duca (secondo il Chronicon S. Maxentii, nell'841, Warin al comando dei provenzali, si schierò con Carlo II il Calvo contro l'imperatore Lotario I) secondo lo storico Paul-Albert Février, succedette a Leibulfo in Provenza; fu anche conte d'Alvernia. Werinus in latino (?777– 853), definito duca secondo il Chronicon S. Maxentii nell'841, fu conte d'Alvernia dall'819 all'839, conte di Provenza dall'830 circa all'845 conte di Autun dall'832 alla 853 e di Arles, Chalon, Borgogna e Tolosa. Guerino di Poitou (... – 679) in latino Guarnarius o Werinus , citato con suo fratello Leodegario di Autun nel libro Chroniques D'ANJOU. Conte d'Angio citato nelle Chroniques des comtes d'Anjou, Josef Fleckenstein (nato il 18 febbraio, 1919 in Kämmeritz vicino Querfurt , † 4 novembre, 2004 a Gottinga, storico che ha studiato la storia del Medioevo), a sua volta, ci riferisce che Gueranrius di Poitou era un antenato di Guarnarius o Werinus di Turgovia nonno di Guarnarius di Provenza (?777 – 853). Gueranius di Turgovia (secondo il cronista Ekkehard IV, la nobile discendenza della casata alla famiglia dei Welfen, viene fatta risalire ai vecchi Guelfi, che ebbero come capostipite Ruthard, nominato dal sovrano carolingio, assieme al pari dignitario conte Warin o Guerinius in qualità di administratores Alamanniae).  Guarnarius di Poitou, fu conte di Parigi e Poitiers-Poitou. Egli è considerato un santo e martire, è capostipite della famiglia nobile dei Guideschi. La prima menzione finora trovata sul nobile giudice Guerrisi risale al 1186, Il primo documento del nome Warin, poi in latino in Guarinus-Guerrasius, si trova citato nel ”CODICE DIPLOMATICO DEL REGNO DI CARLO I E II D’ANGIO”, ossia la collezione di leggi, statuti e privilegi, concernenti la storia ed il diritto politico, civile, finanziere, giudiziario, militare, ed ecclesiastico delle provincie meridionali d’Italia (Polistena fu ingrandita dall’Imperatore Federico II (1194-1250), e dal regno di Re Carlo I d'Angio (nato a Parigi il 21 marzo 1226, deceduto nel 1285 succede al regno il figlio Carlo II), anno 1266 era una terra ricca di abitazioni e di popolo. Re Carlo I d'Angio sposa Beatrice di Provenza (1234-1267). Documento: Donazione di Riccardo d’Aquila Conte di Fondi a favore del Monastero di San Michele Arcangelo di Gaeta – AGOSTO 1186 – FIRMA ”EGO GUERRASIUS MILES ROGATUS TESTIS” IO GUERRASIUS SOLDATO TESTIMONE RICHIESTO. Il secondo documento del SETTEMBRE 1187, il conte di Tricarico Ruggiero del castello di Montoro, e il fratello Guglielmo di Caserta- firma ”EGO QUI SUPRA GUERRASIUS IUDEX” IO QUI SOPRA GUERRASIUS GIUDICE.
Il nobile soldato e giudice GUERRASIUS citato nel ”CODICE DIPLOMATICO DEL REGNO DI CARLO I E II D’ANGIO” 1186 ecc., era imparentato con il Conte o Duca Guerinus (Guerin, Warin in francese, Guerí in catalano e Werinus in latino) di Provenza, definito duca (secondo il Chronicon S. Maxentii, nell’841, Warin al comando dei provenzali, si schierò con Carlo II il Calvo contro l’imperatore Lotario I) secondo lo storico Paul-Albert Février, succedette a Leibulfo in Provenza; fu anche conte d’Alvernia. Werinus in latino (?777– 853), definito duca secondo il Chronicon S. Maxentii nell’841, fu conte d’Alvernia dall’819 all’839, conte di Provenza dall’830 circa all’845 conte di Autun dall’832 alla 853 e di Arles, Chalon, Borgogna e Tolosa. Guerino di Poitou (… – 679) in latino Guarnarius o Werinus , citato con suo fratello Leodegario di Autun nel libro Chroniques D’ANJOU. Conte d’Angio citato nelle Chroniques des comtes d’Anjou, Josef Fleckenstein (nato il 18 febbraio, 1919 in Kämmeritz vicino Querfurt , † 4 novembre, 2004 a Gottinga, storico che ha studiato la storia del Medioevo), a sua volta, ci riferisce che Gueranrius di Poitou era un antenato di Guarnarius o Werinus di Turgovia nonno di Guarnarius di Provenza (?777 – 853). Gueranius di Turgovia (secondo il cronista Ekkehard IV, la nobile discendenza della casata alla famiglia dei Welfen, viene fatta risalire ai vecchi Guelfi, che ebbero come capostipite Ruthard, nominato dal sovrano carolingio, assieme al pari dignitario conte Warin o Guerinius in qualità di administratores Alamanniae). Guarnarius di Poitou, fu conte di Parigi e Poitiers-Poitou. Egli è considerato un santo e martire, è capostipite della famiglia nobile dei Guideschi. La prima menzione finora trovata sul nobile giudice Guerrisi risale al 1186, Il primo documento del nome Warin, poi in latino in Guarinus-Guerrasius, si trova citato nel ”CODICE DIPLOMATICO DEL REGNO DI CARLO I E II D’ANGIO”, ossia la collezione di leggi, statuti e privilegi, concernenti la storia ed il diritto politico, civile, finanziere, giudiziario, militare, ed ecclesiastico delle provincie meridionali d’Italia (Polistena fu ingrandita dall’Imperatore Federico II (1194-1250), e dal regno di Re Carlo I d’Angio (nato a Parigi il 21 marzo 1226, deceduto nel 1285 succede al regno il figlio Carlo II), anno 1266 era una terra ricca di abitazioni e di popolo. Re Carlo I d’Angio sposa Beatrice di Provenza (1234-1267). Documento: Donazione di Riccardo d’Aquila Conte di Fondi a favore del Monastero di San Michele Arcangelo di Gaeta – AGOSTO 1186 – FIRMA ”EGO GUERRASIUS MILES ROGATUS TESTIS” IO GUERRASIUS SOLDATO TESTIMONE RICHIESTO. Il secondo documento del SETTEMBRE 1187, il conte di Tricarico Ruggiero del castello di Montoro, e il fratello Guglielmo di Caserta- firma ”EGO QUI SUPRA GUERRASIUS IUDEX” IO QUI SOPRA GUERRASIUS GIUDICE.

wasserzeichen-projekte (9) - Copia - Copia.wasserzeichen-projekte (17).wasserzeichen-projekte (9)wasserzeichen-projekte (6).

Guerino di Poitou (... – 679) in latino Guarnarius o Werinus, citato con suo fratello Leodegario di Autun nel libro Chroniques D'ANJOU.  Fu conte di Parigi e Poitiers-Poitou. Egli è considerato un santo e martire. Egli è capostipite della famiglia nobile dei Guideschi.  Successivamente Saint Warinus, martire dei franchi. Figlio di Bodilon (figlio di Garnier de Treves e di Gondoaldus Agilulfus), conte di Parigi e di santa Sigrada di Sainte-Marie di Soissons.  Imparentato con Guerino di Turgovia Guarnarius o Werinus in latino (... - 774) sposato con Adelinde, entrambi sono i fondatori del monastero di Buchau 770. Adelinde viene specificato come figlia di Ildeprando duca di Spoleto. La nobile discendenza della casata alla famiglia dei Welfen, denominati anche Guelfi, viene fatta risalire ai vecchi Guelfi, che ebbero come capostipite Ruthard († prima del 31 agosto 790), nominato dal sovrano carolingio, assieme al pari dignitario conte Warin o Guerino in qualità di administratores Alamanniae. Fu nonno di Guerino di Provenza, Guarnarius o Werinus in latino (?777– 853), definito duca secondo il Chronicon S. Maxentii nell'841, fu conte d'Alvernia dall'819 all'839, conte di Provenza dall'830 circa all'845 conte di Autun dall'832 all' 853 e di Arles, Chalon, Borgogna e Tolosa. Guerino, definito duca secondo il Chronicon S. Maxentii, nell'841 Guerino, al comando dei provenzali, si schierò con Carlo il Calvo contro l'imperatore Lotario I. Imparentato con Guerino I d'Alvernia, Guarnarius o Werinus in latino (760 – forse 819), alcuni autori lo chiamano Warin di Vergy, la Signoria di Vergy è una delle più antiche famiglie nobili francesi, legata alla dinastia dei Merovingi.  La prima menzione finora trovata sul nobile giudice Guerrisi risale al 1186, Il primo documento del nome Warin, poi in latino in  Guarinus-Guerrasius, si trova citato nel ”CODICE DIPLOMATICO DEL REGNO DI CARLO I E II D’ANGIO”, ossia la collezione di leggi, statuti e privilegi, concernenti la storia ed il diritto politico, civile, finanziere, giudiziario, militare, ed ecclesiastico delle provincie meridionali d’Italia. Documento: Donazione di Riccardo d’Aquila Conte di Fondi a favore del Monastero di San Michele Arcangelo di Gaeta – AGOSTO 1186 – FIRMA ”EGO GUERRASIUS MILES ROGATUS TESTIS” IO GUERRASIUS SOLDATO TESTIMONE RICHIESTO.  Il secondo documento del SETTEMBRE 1187, il conte di Tricarico Ruggiero del castello di Montoro, e il fratello Guglielmo di Caserta- firma ”EGO QUI SUPRA GUERRASIUS IUDEX” IO QUI SOPRA GUERRASIUS GIUDICE.
Guerino di Poitou (… – 679) in latino Guarnarius o Werinus, citato con suo fratello Leodegario di Autun nel libro Chroniques D’ANJOU. Fu conte di Parigi e Poitiers-Poitou. Egli è considerato un santo e martire. Egli è capostipite della famiglia nobile dei Guideschi. Successivamente Saint Warinus, martire dei franchi. Figlio di Bodilon (figlio di Garnier de Treves e di Gondoaldus Agilulfus), conte di Parigi e di santa Sigrada di Sainte-Marie di Soissons. Imparentato con Guerino di Turgovia Guarnarius o Werinus in latino (… – 774) sposato con Adelinde, entrambi sono i fondatori del monastero di Buchau 770. Adelinde viene specificato come figlia di Ildeprando duca di Spoleto. La nobile discendenza della casata alla famiglia dei Welfen, denominati anche Guelfi, viene fatta risalire ai vecchi Guelfi, che ebbero come capostipite Ruthard († prima del 31 agosto 790), nominato dal sovrano carolingio, assieme al pari dignitario conte Warin o Guerino in qualità di administratores Alamanniae. Fu nonno di Guerino di Provenza, Guarnarius o Werinus in latino (?777– 853), definito duca secondo il Chronicon S. Maxentii nell’841, fu conte d’Alvernia dall’819 all’839, conte di Provenza dall’830 circa all’845 conte di Autun dall’832 all’ 853 e di Arles, Chalon, Borgogna e Tolosa. Guerino, definito duca secondo il Chronicon S. Maxentii, nell’841 Guerino, al comando dei provenzali, si schierò con Carlo il Calvo contro l’imperatore Lotario I. Imparentato con Guerino I d’Alvernia, Guarnarius o Werinus in latino (760 – forse 819), alcuni autori lo chiamano Warin di Vergy, la Signoria di Vergy è una delle più antiche famiglie nobili francesi, legata alla dinastia dei Merovingi. La prima menzione finora trovata sul nobile giudice Guerrisi risale al 1186, Il primo documento del nome Warin, poi in latino in Guarinus-Guerrasius, si trova citato nel ”CODICE DIPLOMATICO DEL REGNO DI CARLO I E II D’ANGIO”, ossia la collezione di leggi, statuti e privilegi, concernenti la storia ed il diritto politico, civile, finanziere, giudiziario, militare, ed ecclesiastico delle provincie meridionali d’Italia. Documento: Donazione di Riccardo d’Aquila Conte di Fondi a favore del Monastero di San Michele Arcangelo di Gaeta – AGOSTO 1186 – FIRMA ”EGO GUERRASIUS MILES ROGATUS TESTIS” IO GUERRASIUS SOLDATO TESTIMONE RICHIESTO. Il secondo documento del SETTEMBRE 1187, il conte di Tricarico Ruggiero del castello di Montoro, e il fratello Guglielmo di Caserta- firma ”EGO QUI SUPRA GUERRASIUS IUDEX” IO QUI SOPRA GUERRASIUS GIUDICE.

128832438_3550468608425352_2387443247789546551_o

Il Guerrisi e i suoi discendenti arrivano nella provincia di Reggio Calabria con il Regno di Carlo d’Angio (nato a Parigi il 21 marzo 1226, deceduto nel 1285, sposa Beatrice di Provenza), nel 1266 Polistena era una terra ricca di abitazioni e di popolo (Polistena fu ingrandita dall’Imperatore Federico II 1194-1250).

 
Arrivano a Maropati con la famiglia Caracciolo (loro parenti), Antonio Caracciolo, conte di Gerace e Terranova, è investito da Giovanna I della baronia di Anoia, di quella di Grotteria, dei fondi rustici di Capobruto, Mussuto e Capperano. Antonio muore nel 1389, gli succede Giovanni il quale nel 1404 si reintegra nella baronia di Anoia (già ricaduta alla corte) ricomprandola da re Ladislao. Tommaso Caracciolo, divenuto ribelle a re Alfonso fu spogliato di ogni feudo e condannato a morte. Le terre e i castelli vennero concessi a Marino Correale di Sorrento, ma la baronia di Anoia dalla deposizione di Tommaso Caracciolo non fu assegnata al Correale. Essa fu chiesta come legittima eredità da Maria Caracciolo, moglie di Francesco e figlia di Giorgio; infatti il 24 novembre 1455 Maria era stata investita da re Alfonso della baronia di Anoia, delle terre di Plaesano, del casale di Galatro e del feudo di Borrello.
140060611_3590451147760431_4910394848385587648_n

Lo stemma a sinistra; D’ORO AL LEONE DI ROSSO TENENTE UN’ASCIA DELLO STESSO.

Lo stemma a destra; D’ARGENTO AL LEONE DI ROSSO SOSTENUTO DA TRE MONTI DI VERDE ALL’ITALIANA USCENTI DALLA PUNTA, ACCOMPAGNATO IN CAPO DA UN CRESENTE DEL CAMPO ACCOSTATO DA DUE STELLE (8) D’ORO E NEL CANTON DESTRO DA UN SOLE DELLO STESSO; SUL TUTTO UNA BANDA D’AZZURRO ABBASSATA.

Stemma della famiglia Guerrisi di Maropati-Polistena – TUTTO STORIA (wordpress.com)

Il Duca di Spoleto Alibrando (m. 789), genero di Werinus di Turgovia (m. 774). Gl’italiani dall’antichità più remota. – TUTTO STORIA (wordpress.com)

La Nobile famiglia Guerrisi – BLASONARIO DELLA CALABRIA (wordpress.com)

Notarius Guirrisio-Guerrisii Petrus 1265-1281 – TUTTO STORIA (wordpress.com)

1) Fulk I FitzWarin figlio di Warin-Guarinus 1115-1171 (discende dai conti Warin di Provenza) https://blasonariodellacalabria.wordpress.com/2020/05/31/fulk-i-fitzwarin-figlio-di-warin-guarinus-1115-1170-1/

Codice diplomatico del regno di Carlo I. e II. d’Angiò (1863 … https://opacplus.bsb-muenchen.de/Vta2/bsb10480339/bsb:BV004905028?page=7

Duchesne André, Histoire généalogique de la maison de Vergy justifiée par chartes, tiʆtres, arrests, & aultres bonnes & certaines preuves, Paris, Sébastien Cramoisy, 1625, p. 23-33.

Dissertation on the origins of the preux de Vergy”, Bollettino di storia, letteratura e arte religiosa della diocesi di Digione , vol. 16,1848, pag. 156-164.

2) Turgisio di Sanseverino, per il suo valore in battaglia, nel 1061 fu investito da Roberto il Guiscardo della contea di Rota, un centro popoloso già appartenuto alla famiglia dei Principi Longobardi e di Salerno. Diventò in Italia Conte di San Severino e Rota, morendo nel novembre 1081, e divenendo il capostipite della famiglia dei Sanseverino. Gli succedette nel feudo di Sanseverino il primogenito Ruggero di San Severino (1065-1125), che sposò la longobarda Sica, nipote di Guimario IV di Salerno (un suo nipote Guaimario (Jefuno) fu il capostipite della famiglia Giffone). In seguito al matrimonio di Alduino Filangieri di Candida con Giordana Sanseverino di Tricarico la famiglia ottenne il controllo del paese di Solofra, curando l’ampliamento del territorio di Solofra e la stabilizzazione sul posto della concia delle pelli, che da attività pastorale divenne autonoma, legata al fiorente mercato di Salerno.  Il capostipite dei Conti di Tricarico è Ruggiero († 1189?), che acquisisce il feudo. A ottobre del 1194, furono assegnate altre terre dal nobile giudice Guerrisi parente della famiglia Sanseverino (Ideo ipsas terras in commutationem eidem Alexandro tradidimus quas terras caro stratigoto nostro Montorii coram Guerrasio iudice fecimus assignari. Ego qui supra Guerrasius iudex. ABC, Arm. L. 37 in Ibidem, pp. 126–127). Il conte di Tricarico Ruggiero, atto del settembre 1187 http://www.solofrastorica.it/Normanni.htm.

3)MEDIOEVO ITALIANO RASSEGNA STORICA ONLINE Mimma De Maio Solofra nel medioevo.
Un centro artigianale nel Principato Salernitano. Mimma De Maio (irpinia.org)

4) Contea di Tricarico – Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/Contea_di_Tricarico

5) Sanseverino (famiglia) – Wikipedia https://it.wikipedia.org/wiki/Sanseverino_(famiglia)

6) BLASONARIO DELLA CALABRIA

7)

8) Guerrisi – Arte e Storia VG 21 maggio 2017

9)

10)

11)

12)

13)

© Vincenzo Guerrisi. Tutti i diritti riservati.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...